Saturday, Nov 28th

Last update04:27:28

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel

Tagli alla sanità: i manifesti attuali dopo sette anni

  • PDF

Nei giorni scorsi I muri della città si sono riempiti di manifesti “artistici”. Una scelta culturale per poter coprire i manifesti del lockdown pandemico con una grafica nuova, studiata, bella. Forte la voglia di dimenticare e passare oltre, di ritornare alla normalità cancellando la realtà. Si smontano costosi ospedali da campo.

 

Ci si chiede che cosa fare di costose astronavi sanitarie intanto che ci si libera degli scafandri, si dimenticano gli eroi sanitari i quali tornano all’eroica quotidiana assistenza fatta di tagli di posti letto, personale, risorse.

 

Quasi non si riesce a capire perché l’Italia sia stata squassata da una delle peggiori pandemie degli ultimi decenni. Il solito chiacchierone di Milano dà la colpa alla fatalità. Qualcuno invece alza il dito accusatore contro una classe politica tutta incapace. Altri ricordano la vendita del welfare italiano sul mercato del profitto privato e del clientelismo politico. La chiacchierona di Roma fa il suo tour elettorale promettendo cose.

I chiacchieroni locali, pure. Intanto intere famiglie non sanno come andare avanti, hanno finito i soldi, perso il lavoro. Ma per i signori dei palazzi italiani non è successo niente, e la memoria del corpo elettorale è breve e pronta a farsi suggestionare da chi urla di più, da chi promette di più. Da chi fa tutto e il suo contrario. Se ci saranno prossime ondate epidemiche, certo è che il coronavirus continuerà a trovare terreno fertile per svilupparsi in un paese malato di memoria, storica e politica.

Per questo abbiamo pensato che riportare alla luce dei manifesti vecchi di sette anni fa, che parlavano di tagli alla salute pubblica, la cui attualità è, purtroppo, evidente, possa essere un atto di accusa contro chi ha reso più fragile la società italiana, debole nei confronti del virus, inerme verso il profitto privato che le ruba futuro e vita.

Da sabato scorso, sui muri di Jesi, assieme a manifesti da brand festival, ci sono manifesti belli di politica.

F.A.I. – Federazione Anarchica Italiana
Sez. “M. Bakunin” – Jesi
Sez. “F. Ferrer” – Chiaravalle
Circolo Studi Sociali “Ottorino Manni” – Senigallia

Ultimo aggiornamento Lunedì 06 Luglio 2020 09:50

Comments  

 
0 #1 Thomasnog 2020-07-13 19:43
North Mongolia
Korea Mongolia
Quote
 

Add comment

You are here