Wednesday, Jun 03rd

Last update02:35:01

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel

Il ritardo nella nomina alla Cultura fa slittare la Notte Bianca

  • PDF

E’ da una settimana che circola la notizia del rinvio della Notte Bianca di Jesi a causa della ritardata nomina dell’Assessore alla Cultura da parte del Sindaco Belcecchi.
Ne abbiamo parlato con il professor Gabriele Fava, Presidente della Fondazione Colocci e uno dei principali artefici dell’evento che ha riscosso così tanto successo un anno fa.

 


Perché la presenza di un Assessore alla Cultura è indispensabile per organizzare la Notte Bianca?
La risposta è suggerita dall’esperienza passata.
Lo scorso anno la Notte Bianca è stata inventata per far conoscere il ruolo dell’Università a Jesi, di cui non si parla molto, e non a caso è stata intitolata proprio “Notte Bianca dell’Università”.
All’organizzazione dell’evento hanno contribuito tre istituzioni: la Fondazione Colocci, la Fondazione Pergolesi-Spontini e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi.
Non è stata un’operazione semplice, anche perchè dovevamo operare con un budget contenuto.
La preparazione dell’evento ha richiesto ben due mesi di lavoro.
La Fondazione Colocci e la Fondazione Pergolesi-Spontini si sono occupate di quelli che potremmo definire i “grandi eventi” : l’incontro con Tonino Guerra dal titolo “Sentimento del viaggio”, la presenza di Giuseppe Cederna con “Il grande viaggio”, e di Patrizio Roversi con “Evoluzionista per caso: sulle tracce di Darwin” al Teatro Morioni.
Posso assicurarvi che non è stato semplice riuscire a coinvolgere personaggi di questo calibro.
Tuttavia anche l’Assessorato ha avuto un ruolo molto importante, in quanto si è occupato di organizzare tutto il resto, e cioè gli eventi che hanno riempito le piazze: ad esempio, il concerto dei Burro e Salvia, le iniziative dell’associazionismo locale, le biblioteche e i musei aperti con visite guidate, ecc.
Insomma, nell’animazione della serata l’Assessorato alla Cultura ha avuto un ruolo decisivo.


Per ora il titolare della delega alla Cultura è il Sindaco. Non si può far riferimento a lui per organizzare quest’evento?
Se il Sindaco lo ritenesse possibile, finirebbe per sminuire il lavoro compiuto dall’Assessore di allora, Leonardo Animali, che in quella circostanza si è dato molto da fare.
Un sindaco ha numerosi compiti, e non si può credere che riesca a dedicare alla delega alla Cultura il tempo che sarebbe necessario, soprattutto per organizzare un evento di questa portata.
Né ritengo che il Primo Cittadino possa affidare questo compito ad uno o più dipendenti comunali: ad esempio, questi non potrebbero sedersi ad un tavolo con le associazioni locali per individuare gli eventi, né potrebbero effettuare altre scelte di indirizzo politico.


La nomina di un Assessore alla Cultura sembra ormai prossima…ma come mai, secondo lei, ci è voluto così tanto tempo?
Sono stati annunciati molti nomi, speriamo che ormai si arrivi ad una nomina!
La difficoltà del Sindaco è chiaramente dipesa dagli equilibri politici, dalla volontà di Rifondazione di entrare solo con questo particolare Assessorato, e dal veto su Sgalla che non è molto chiaro, visto che in passato era stato consigliere comunale e nessuno lo aveva mai contestato.


Per finire…la Notte Bianca si farà?
Sì, si farà, ormai non più ad ottobre ma in primavera o a giugno, poco prima di Jesi Estate, sempre che il prossimo anno si riesca a realizzare la rassegna estiva, sperando che sia “l’aperitivo di un buon pasto”!
L’argomento su cui incentrare l’evento è già stato individuato, ma per ora è top secret!

Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Settembre 2008 22:38

Comments  

 
0 #4 Peter 2007-09-28 10:28
questa estate mi era stato chiesto di organizzare 4 giorni di concerti nella mega pista di pattinaggio di via F.Coppi, con esibizioni di pattinaggio artistico,
acrobatico, bancarelle di ogni tipo, bar, area pic-nic e quant'altro, ma dai piani superiori hanno deciso di spostare il tutto alle fiere di settemmbre. sono arrivate le fiere, abbiamo trovato 12 gruppi che venivano a suonare GRATIS e uno sponsor che pagava tutto...ma...i commercianti delle bancarelle si sono lamentati perchè l'attenzione della gente si sarebbe concentrata nei dintorni della manirestazione, così quando era tutto pronto siamo stati obbligati a rinunciare!
in conclusione...non ho voglia di aspettare giugno per la "notte bianca" che forse sarà ancora rimandata, jesi si deve svegliare e quindi organizziamo qualcosa con la circoscrizione...adesso...e di sicuro!
Quote
 
 
0 #3 Ospite anonimo 2007-09-28 07:41
[smiley=wink]
Quote
 
 
0 #2 gpyoruba 2007-09-25 18:02
Come spesso mi capita, penso a Jesi come centro eno-gastronomico di tutto rispetto. Non riesco a rassegnarmi all'idea che, turisti alloggiati a Senigallia o a Numana o Sirolo durante la stagione estiva, disdegnino la bellissima Jesi in favore di centri, altrettanto bellissimi, ma di minore importanza sparpagliati nella zona. Non riesco a rassegnarmi al latitare di idee e piani di sviluppo che tengano conto di questa prerogativa turistica. Non sopporto di passeggiare nelle sere estive, in un centro storico costellato di banche, negozi chiusi, desolazione, e non vedere taverne piene di turisti ebbri di lacrima e verdicchio. Possibile che non ci sia un progetto che coinvolga i tanti giovani svegli e intraprendenti che tengono alto il nome della nostra città nel mondo, che non sia il servile rispondere alle esigenze del potere economico e industriale? Possibile che, con un teatro molto attivo, una scuola musicale perfettamente operativa, personaggi devoti al vivere ecologico e disposti a tenere conferenze sui più disparati temi dello sviluppo sosteniblile, aziende di produzione eno-gastronomica, non si riesca a mettere in piedi una notte bianca? Semplice, senza troppe pretese, togliendosi dalla testa idee più grandi di noi. Portare in centro la gente, farla divertire, incuriosirla, rilassarla. Magari con qualche stand di produzione di energia alternativa, qualche personaggio che ci racconti di come funziona la raccolta differenziata o il WI-MAX (?), e poi tutti a nanna. Informati e divertiti. Saluti.
Quote
 
 
0 #1 Ospite anonimo 2007-09-25 16:15
Ma perchè non si candida lei prof????
Una sua ex alunna che la stima ancora molto!
Quote
 

Add comment

You are here